Purificatori d’aria per la casa

L’aria che respiriamo nelle nostre case può essere addirittura più carica di batteri e sostanze inquinanti rispetto a quella dell’esterno. Ecco perché, soprattutto da parte di chi soffre di asma o allergie, alcune accortezze possono essere d’aiuto. Come affidarsi ai purificatori per ambiente, per godere di un’aria più sana e pulita.

Non è solo l’ambiente esterno ad essere inquinato, anche l’aria in casa può risultare piena di batteri, CO2, VOCs o altri gas. Ci sono però alcuni accorgimenti e prodotti hi-tech, come i purificatori d’aria, che permettono di ridurre l’inquinamento indoor.

Solitamente quando si parla di inquinamento dell’aria ci si riferisce principalmente a quello delle nostre città, causato soprattutto dalle emissioni di gas prodotti da fabbriche e industrie, dalla circolazione dei veicoli o dagli impianti di riscaldamento come caldaie, stufe e caminetti.

In realtà anche l’aria all’interno delle nostre abitazioni non è sempre così sana, spesso infatti negli ambienti interni proliferano acari, batteri, funghi e muffe, che possono causare fastidiose allergie e asma.

Non solo, l’anidride carbonica prodotta ad esempio da processi di combustione come la cottura dei cibi o dal riscaldamento o dall’utilizzo di candele, i VOC – composti organici volatili – contenuti in alcune vernici, materiali edili o nei rivestimenti dei mobili, o gas come il radon, che dal terreno è in grado di risalire in superficie ed entrare nelle abitazioni, possono attaccarsi al pulviscolo dell’aria. I fumi e i gas prodotti, se presenti in elevate concentrazioni, possono risultare fortemente nocivi e dannosi per la nostra salute.

Tanto che, secondo una ricerca condotta dall’Unione Consumatori, l’aria in casa può essere fino a 7 volte più inquinata rispetto a quella esterna. 

Per ottenere quindi un’aria più pulita e sana nei nostri appartamenti è importante sicuramente avere comportamenti corretti e optare per prodotti green, ma è possibile anche ricorrere ai purificatori d’aria, che rappresentano un valido aiuto per depurare gli ambienti interni.

Purificatori d’aria: un aiuto per depurare l’ambiente nelle nostre case

I purificatori d’aria sono degli apparecchi destinati alla pulizia dell’aria all’interno degli ambienti domestici. Questi operano eliminando dall’atmosfera le particelle inquinanti non visibili ad occhio nudo, in modo da restituire un’aria più pulita e sana e ridurre i problemi dell’apparato respiratorio. I purificatori non sono in grado di prevenire le allergie, ma sicuramente possono contribuire a mantenere l’aria più pulita, aiutando chi soffre di disturbi respiratori. 

Come funziona un purificatore d’aria?

I purificatori d’aria più tradizionali sono dotati di una ventola che richiama l’aria e di filtri che la restituiscono depurata, quasi tutti i modelli ormai integrano i filtri HEPA (High Efficiency Particulate Air filter) ovvero sistemi di filtrazione ad elevata efficienza; mentre alcuni apparecchi di ultima generazione integrano anche tecnologie agli ioni o sistemi a raggi ultravioletti.

Questi apparecchi possono essere lasciati fissi in un ambiente oppure trasportati da una stanza all’altra; sul mercato ci sono modelli in grado di depurare camere di 10, 20 o anche 30 metri quadrati

Per avere un ottimo risultato è preferibile chiudere le porte della stanza che si intende purificare e lasciare agire il depuratore, inoltre è importante procedere alla pulizia dei filtri in base alle indicazioni fornite dal produttore, in modo da evitare che i purificatori d’aria stessi possano a lungo andare rilasciare nell’aria sostanze inquinanti filtrate e assorbite nel tempo. 

Altri dispositivi che migliorano la qualità dell’aria in casa

VMC sono sistemi di ventilazione meccanica controllata che ricambiano l’aria in casa in modo continuo l’aria, eliminando gli inquinanti interni e filtrano l’aria esterna da polveri e pollini prima di immetterla negli ambienti. In questo modo l’aria viene purificata dagli inquinanti e dalle particelle che causano allergie e costituiscono un pericolo per la salute, ma vengono espulse anche CO2 e umidità in eccesso, che possono dare origine a muffe e condensa e causare disturbi agli abitanti.

Fonte: cosedicasa.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.